35^ Giornata di Lega Pro Girone C: Il Recap

JUVE STABIA E MATERA FERMANO INCREDIBILMENTE LE PRIME DELLA CLASSE.
IL LECCE DI MISURA SUL FOGGIA, LA CASERTANA NON MOLLA E DEVE RECUPERARE UNA GARA.
0-0 TRA LUPA E MELFI. PARI ANCHE TRA MESSINA ED ISCHIA, NE APPROFITTA L’AVERSA.MateraBenevento (16).470.320


La Salernitana perde una gara importante ma per sua fortuna viene sconfitto anche il Benevento. Decide un colpo di testa di Jidayi (terzo gol in stagione) sugli sviluppi di una punizione di Contessa dopo appena due minuti di gioco. Sconfitta questa che arriva dopo quattro vittorie consecutive, a loro volta avvenute dopo lo 0-1 subito in casa dal Matera. La squadra di Minichini non perdeva fuori casa da ben sette turni, l’ultimo ko risale all’1-0 subito a Caserta. Rimane impressionante il dato relativo alla difesa dei salernitani in trasferta, ha concesso finora solo sette reti.
La formazione di Savini resta invece imbattuta, sono sette ora i risultati utili consecutivi. Dopo i pareggi con Ischia e Foggia, la squadra gialloblu ha ripreso la sua marcia con tre vittorie nelle ultime tre partite, portandola al terzo posto con 66 punti. Domina in lungo e in largo la partita, l’1-0 finale sta anche stretto alle vespe che in piu di un’occasione sono andati vicino al raddoppio. Tra le mura amiche non perde da ben otto turni, dalla 19^ giornata (1-2 contro il Benevento) che rimane anche l’unica sconfitta interna.
Benevento e Brini sono ai saluti oramai. Gli stregoni infatti perdono l’occasione d’oro di avvicinarsi alla Salernitana e rimangono cosi a -5 dalla vetta.  Al 25’del primo tempo c’è la prima rete in stagione di Bernardi, cinque minuti dopo arriva il raddoppio con Madonia che con uno splendido destro sotto l’incrocio giunge a quota 11 in campionato. Scognamiglio regala il gol della bandiera al 90esimo, arrivando a quota 6 reti in campionato.
Secondo stop nelle ultime tre giornate e sette punti conquistati nelle ultime cinque giornate danno l’idea di una squadra che balbetta e che non riesce piu a trovare quella continuità di gioco che aveva fatto vedere nella prima parte di campionato. Prossimo turno difficile contro un avversario ostico come il Messina, in piena lotta salvezza.
Per il Matera invece si tratta della 18esima vittoria in stagione. I biancoblu battono una compagine ben piu quotata e rimangono in scia della Juve Stabia, inanellando la terza vittoria nelle recenti quattro uscite. Una sola sconfitta negli ultimi sette incontri lanciano la formazione di Auteri al quarto posto solitario con 63 punti.

Bollini e i suoi rialzano la testa, portando a casa i tre punti nel derby salentini contro il Foggia. Come successo all’andata, a decidere la partita è un gol in pieno recupero che questa volta porta la firma di Doumbia, al suo 5° centro. Terza vittoria consecutiva allo Stadio di Via del Mare, eretto a fortino in questa stagione: sono soltanto due le sconfitte casalinghe per i giallorossi. Continua dunque  il cammino incerto del Lecce che rimane aggrappato ai playoff ma che non riesce a dare una sterzata definitiva al suo campionato.
Dall’altra parte il Foggia perde una ghiotta occasione e permette al Lecce, suo diretto avversario, di risalire in classifica. Se solo Cavallaro, nell’azione precedente al gol di Doumbia, avesse infilato Scuffia ,staremmo qui a parlare di un altro risultato e di tutt’altra classifica. Purtroppo non è andata cosi e questa sconfitta palesa un evidente difficoltà della squadra di De Zerbi a fare punti lontano da casa: su diciotto incontri infatti solo sette vittorie, cinque pareggi e sei sconfitte. Se andiamo nel dettaglio poi ci accorgiamo di come nelle ultime nove trasferte siano arrivate solo due vittorie, due pareggi e ben cinque sconfitte. A confermare il tutto, bisogna poi tener conto del dato dei gol subiti: in casa nove, in trasferta ben venticinque! Non di certo una buona statistica.

La Casertana tiene a bada un cliente difficile come il Catanzaro, ottavo in classifica, e si riporta a ridosso del Lecce ma con una partita da recuperare contro il Martina Franca. La squadra di Campilongo torna alla vittoria dopo ben quattro giornate di digiuno in cui ha raccolto la miseria di 2 soli punti, un pareggio esterno con l’Ischia ed uno interno col Benevento. Da segnalare la prima rete stagionale di Agodirin e l’11esima realizzazione per Cissè che con un destro violento non lascia scampo a Bindi.

La Lupa Roma non subisce gol in casa per la seconda volta di fila, la settiman in stagione. Si tratta altresì del quarto pareggio nelle ultime cinque partite. Piu precisamente nelle ultime sette uscite la compagine romana non è mai riuscita a trovare la vittoria, perdendo tre gare e pareggiando le altre quattro. Alla luce di questi ultimi risultati quindi la formazione capitolina si porta a quota 37 punti con un margine di vantaggio di 7 punti sul Messina ed Ischia, rispettivamente 16esima e 17esima. Il Melfi, oramai salvo a 42 punti, non ha piu nulla da chiedere e, malgrado ciò, mette in mostra una buona determinazione soprattutto nella seconda frazione di gioco, sfiorando il gol con Caturano. Questo pareggio dà continuità di rendimento in termini di punti (sono dieci nelle ultime quattro partite) ma interrompe la striscia di vittorie che si ferma cosi a quota tre.

Stessa situazione per Messina ed Ischia, ferme a 30 punti nei bassifondi della classifica. Il pareggio per 1-1 non aiuta nessuna delle due e lascia le cose invariate.  Grossa sfortuna per i siciliani che subiscono un gol in fuorigioco, due legni nella ripresa prima della rete del sempreverde Giorgio Corona, giunto in doppia cifra (10) a quarant’anni suonati. Dopo due 0-0 casalinghi, arriva il terzo pareggio consecutivo. Guardando alle gare in casa e trasferta i pareggi diventano addirittura cinque. Come ripetiamo da tempo, se l’Ischia si dovesse salvare gran parte del merito andrebbe sicuramente ad Infantino che a suon di gol (sono 8 da Gennaio) sta trascinando la sua squadra ai playout. Per Maurizi e i suoi è il sesto risultato utile consecutivo: dopo il 4-0 subito dalla Paganese sono arrivati infatti cinque pareggi ed una vittoria sulla Reggina. L’Aversa Normanna approfitta degli stop delle dirette rivali, andando a vincere 0-1 sul campo della Paganese grazie all’autorete di Vinci nel primo tempo.

Per Marra e i suoi si tratta di un ritorno alla vittoria dopo ben sei partite, in cui ha raccolto un misero punto in casa col Messina.

18.04.2015

14:30

Messina

Ischia

1:1 (0:1)

18.04.2015

15:00

Matera

Benevento

2:1 (2:0)

18.04.2015

15:00

Cosenza Calcio

Martina Franca

0:0 (0:0)

18.04.2015

15:00

SS Juve Stabia

Salernitana

1:0 (1:0)

18.04.2015

17:00

Lupa Roma

Melfi

0:0 (0:0)

18.04.2015

19:30

Paganese

Aversa Normanna

0:1 (0:1)

19.04.2015

12:30

Barletta

Vigor Lamezia

3:3 (2:2)

19.04.2015

14:30

Reggina

Savoia

2:2 (0:1)

19.04.2015

16:00

Lecce

Foggia

1:0 (0:0)

19.04.2015

18:00

Casertana

Catanzaro

2:1 (2:0)

Classifica

#

Squadra

P.

Dif

P.ti

1

Salernitana

35

25

76

2

Benevento

35

25

71

3

SS Juve Stabia

35

20

66

4

Matera

35

16

63

5

Lecce

35

14

60

6

Casertana

34

18

59

7

Foggia

35

22

57

8

Catanzaro

35

2

49

9

Cosenza Calcio

35

0

43

10

Vigor Lamezia

35

-2

43

11

Melfi

35

-2

42

12

Barletta

35

-1

41

13

Martina Franca

34

-3

37

14

Lupa Roma

35

-18

37

15

Paganese

35

-12

35

16

Messina

35

-18

30

17

Ischia

35

-22

30

18

Aversa Normanna

35

-16

28

19

Savoia

35

-19

25

20

Reggina

35

-29

11

 Articolo di Simone Parisi

35^ Giornata di Lega Pro Girone C: Il Recapultima modifica: 2015-04-22T23:34:01+02:00da sportstation
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *