Il Napoli a Verona per il terzo posto. L’Hellas pronto alla volata salvezza.

 

verona-napoli

 La partita del Bentegodi (domenica ore 18) è un banco di prova per entrambe le squadre.

Entrambe reduci da un pareggio, le due compagini hanno ora voglia dei tre punti che significherebbero, da un lato, un ulteriore passo verso una tranquilla salvezza e dall’altro, un importante allungo per il terzo (e forse anche per il secondo) posto. La tappa di Milano ha dato tante certezze agli uomini di Mandorlini e il punto ottenuto, beffando i rossoneri proprio negli ultimi secondi,  ha caricato notevolmente le batterie e le convinzioni degli scaligeri. Non si può dire lo stesso del Napoli. Il rocambolesco 2-2 del San Paolo contro l’Inter, infatti, ha palesato, ancora una volta, quello che risulta essere il più grande limite della formazione azzurra: il calo, continuo ed impietoso, di concentrazione. La voglia di rialzarsi dopo il mezzo passo falso è tanta e Verona rappresenta una prova di notevole difficoltà. Gli uomini di Benitez devono fare i conti con una squadra, quella gialloblu, in evidente stato di grazia e con la forte motivazione di invertire il trend negativo di sconfitte nei faccia a faccia delle ultime stagioni.

Punto fermo della formazione scaligera è senza dubbio Luca Toni, che con i suoi 11 gol (pregevole il “cucchiaio” su rigore realizzato sabato scorso al Meazza) sta trascinando l’Hellas verso una tranquilla e quanto mai meritata salvezza.  A fargli compagnia in attacco, però, non ci sarà Nico Lopez,  l’altro grande protagonista del match contro i rossoneri nonché autore del gol-beffa decisivo allo scadere, fermato in questi giorni da un attacco influenzale. E quindi spazio a Jankovic e Juanito Gomez nel tridente, a supporto del bomber emiliano. Il tecnico Mandorlini, inoltre, dovrà giocoforza fare a meno dell’infortunato Marquez, pilastro della difesa e anima della squadra. Dal canto suo il Napoli può contare su un Higuain in grande spolvero e galvanizzato dalla tripletta nella gara interna di Europa League contro i russi della Dinamo Mosca. Gli azzurri si rituffano nel campionato, affidandosi proprio al campione argentino. Problemi in difesa per Benitez: le assenze di Koulibaly (distorsione alla caviglia per il francese) e del croato Strinic (uscito prima dalla seduta di allenamento di giovedì per una forte contrattura) fanno di Britos e Ghoulam le scelte obbligate per il tecnico spagnolo. Altra questione che tiene banco in queste ore dalle parti di Castelvolurno è la difficile situazione di Gabbiadini, frenato alla vigilia dell’impegno europeo, da un fastidioso affaticamento muscolare.

Tra conferme e riscatti, quella di domenica sarà quindi una partita di fondamentale importanza per il cammino delle due formazioni, chiamate alla prova che è già uno spartiacque del campionato. Il Napoli ha necessità di fare bottino pieno se vuole puntare in maniera convinta al secondo posto. Il Verona, da parte sua, non può permettersi di lasciare punti in casa propria, troppo vitali a questo punto della stagione, per poter salire sul treno della salvezza.

Domenico Cicalese

Il Napoli a Verona per il terzo posto. L’Hellas pronto alla volata salvezza.ultima modifica: 2015-03-14T21:58:52+01:00da sportstation
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *