Rugby Sei Nazioni: “Double Face Italia”

Rugby-6-Nazioni-quell-Italia-Francia-all-Olimpico_h_partbPartita a due facce quella dell’Italia all’ultimo turno del Sei Nazioni. Un’altra disfatta, l’obiettivo era quello di salvare almeno il salvabile. All’Olimpico il Galles vince per 61-20. Dal risultato si direbbe che gli azzurri sono stati completamente messi con le spalle al muro, ma la partita inizia alla pari con gli azzurri che si portano in vantaggio per ben due volte in vantaggio con alcuni calci di punizione, il Galles non rimane a guardare e aggiusta i conti in pochi minuti. I Reds trovano anche l’allungo con una meta di Roberts al 25’ che però non viene trasformata. I padroni di casa non si lasciano intimidire, reagiscono e con un guizzo di Venditti portano l’ovale nell’area di meta. Orquera trasforma e quindi di nuovo sopra per 13-11. Prima che le squadre vadano negli spogliatoi, gli ospiti guadagnano una punizione che gli consente di chiudere la prima frazione avanti 14-13.

Nel secondo tempo il Galles parte subito aggressivo. L’Italrugby paga le ammonizioni prima a Masi e poi a Geldenhuys. Con un uomo in meno per circa venti minuti è tosta resistere agli attacchi dei dragoni. Quest’ultimi dilagano e marcano mete su mete demolendo l’Italia. L’unica nota positiva è la cavalcata solitaria di Sarto all’ultimo minuto che segna la seconda meta azzurra.

Il Man of the Match è stato assegnato al gallese Alun Wyn Jones, nonostante non abbia segnato mete è stato fondamentale in tutte le azioni difensive e offensive dei Dragoni.

Dopo 5522 giorni dal suo debutto nel Sei Nazioni, Mauro Bergamasco ha affrontato la sua ultima partita in questo torneo con la speranza di essere convocato per i Mondiali in Inghilterra. 101 caps, 15 mete all’attivo, il rugbista di Padova detiene il record di longevità nel torneo più antico del mondo della palla ovale.

Una delle poche cose da salvare di questo Sei Nazioni è la vittoria contro la Scozia che ha permesso alla nostra nazionale di non classificarsi ultima.

L’Irlanda si aggiudica il torneo per la seconda volta consecutiva. Fino all’ultimo il trofeo era in bilico ed è stata decisiva la vittoria ai danni della Scozia che ha rimediato il cucchiaio di legno.

Articolo di Alberto Incerti

Rugby Sei Nazioni: “Double Face Italia”ultima modifica: 2015-03-23T14:51:50+01:00da sportstation
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *